Scuola: Cub Sur e Cobas, sciopero nazionale il 10 dicembre

Presidi a Roma, Torino, Napoli e Catania

(ANSA) – MILANO, 07 DIC – La Cub Sur (Scuola università e ricerca) e i Cobas hanno proclamato uno sciopero nazionale per l’intera giornata di venerdì’10 dicembre denunciando che “il comparto è stato completamente dimenticato dal Governo” e “persistono forti tagli e retribuzioni basse”. Sono stati organizzati quattro presidi tutti dalle 9.30 a Roma, in viale Trastevere sotto il Miur (il Ministero dell’Istruzione), a Napoli in piazza del Gesù, a Torino in corso Vittorio Emanuele II e a Catania in piazza Roma.
    Cub Sur e Cobas denunciano che “anche l’esecutivo Draghi prosegue nell’attacco al diritto all’istruzione e ai lavoratori della scuola nonostante l’enorme disponibilità di fondi europei” e che “le proposte salariali per il rinnovo del contratto, scaduto nel 2018 e con stipendi sostanzialmente fermi al 2008, sono ridicole e offensive oltre all’esistenza un diffuso precariato del 15% del personale”.
    I sindacati di base chiedono – spiega Alfonso Natale, coordinatore nazionale Cub Sur – il rinnovo immediato del contratto con forti aumenti per tutto il personale, la centralità della scuola nel Pnrr con un piano straordinario per l’edilizia e la sicurezza; la riduzione strutturale del numero di alunni per classe (massimo 20; 15 in presenza di alunni diversamente abili). E ancora: un piano straordinario di assunzioni, ad iniziare dai precari, sulla base di un percorso per titoli; l’adeguamento stabile dei finanziamenti del settore alla media Ocse, l’organizzazione dei Paesi più industrializzali al mondo, cioè 24 miliardi di euro in più all’anno. (ANSA).
   

(fonte Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie